VII NERO SONETTO



Il senso del vuoto rimane
Quando ha davanti la verità,
Con emozioni ostili e malsane,
Nate da proprie aride austerità.

Per le nere brame umane
Di desiderato sfizio di autorità,
Verso colei di bellezza ispane,
Col cuor senza alcuna oscurità.

Ma il sogno riman sfuggente
Per colui che non comprende
Che essa è come vento.

Lusinga carezza di dolce tormento,
Che nulla vuol e pretende,
Se non goder di struggimento.


Torna su